Vicino/Lontano: Una scuola per tutti e per nessuno

12-05-18 18:30 - 12-05-18 20:00
Chiesa di San Francesco, Udine, UD, Italia Chiesa di San Francesco, Udine, UD, Italia

vicino_lontano2

SABATO 12 MAGGIO 2018 – CHIESA DI SAN FRANCESCO – ORE 18.30
Udine, Largo Ospedale Vecchio

Una scuola per tutti e per nessuno
con ELEONORA DE CONCILIIS, MARCO ROMITO
modera BEATRICE BONATO

in collaborazione con la Società Filosofica Italiana – Sezione FVG

Quale forma di uguaglianza dovrebbe essere promossa dall’istruzione e dalla scuola? Il discorso pubblico appare contraddittorio. E il confronto, tra denunce dell’incapacità della scuola di fungere da “ascensore sociale” e sollecitazioni a valorizzare le “eccellenze”, stenta ad andare oltre la polemica mediatica. Occorrerebbe chiedersi se la nostra società apprezzi davvero l’uguaglianza, o se invece molti la percepiscano ormai solo nel senso più superficiale, come livellamento e mortificazione delle differenze e dei meriti individuali. Come dobbiamo interpretare allora l’insistenza sull’uguaglianza nelle politiche scolastiche, se viviamo in un mondo che si professa sempre più meritocratico e selettivo? Come valutare, per esempio, la proposta di estendere l’obbligo scolastico fino ai 18 anni? O l’allarme sul numero troppo esiguo dei nostri laureati, cui fa da contraltare la presenza dei numeri chiusi in molti atenei? O l’impegno delle scuole, dichiarato nei piani dell’offerta formativa, a garantire a tutti non solo la possibilità di apprendere, ma il “successo scolastico”? Forse la scuola democratica porta in sé fin dall’inizio la tensione tra l’ideale dell’uguaglianza e l’esigenza di favorire i più capaci, di far emergere i migliori. Ѐ una tensione che non può essere del tutto superata e che non è in quanto tale un fattore negativo. La cosa peggiore sarebbe negarla, nascondendola sotto il velo della retorica.

Vedi la presentazione del festival a cura di Vicino/lontano alla conferenza stampa del 18 aprile scorso Comunicato-stampa Vicinolontano 2018

Eventi correlati

  • 01-02-15 - 01-05-15 Tutto il giorno

    Ciclo Le parole per dirlo.

    Febbraio-maggio 2015

    Come cambiano le forme dei legami sociali, incontri curati da Beatrice Bonato La posta in gioco del matrimonio gay con Luisa Accati e Francesco Bilotta Giovani e vecchi. Dai riti di passaggio alle rottamazioni con Francesco Stoppa e Davide Zoletto Politica e potere. Chi sono i soggetti del patto? con Giacomo Marramao e Luca Taddio Il totem del mercatotavola rotonda con Nicola Gasbarro, Giovanni Leghissa, Andrea Zohk, modera Beatrice Bonato La trasparenza e il segreto. Tavola rotonda con interventi di Vincenzo Sorrentino, Andrea Tagliapietra, Tiziano Sguazzero, Enrico Petris, modera Beatrice Bonato Presentazione del quaderno di “Edizione” 2014 Le voci del corpo. Intervento di Claudia Furlanetto e Alberto Zino  
  • 07-05-16 15:00 - 07-05-16 17:00
    Sabato 7 maggio, ore 15. Casa Cavazzini  PAUL RICŒU R, UN PENSIERO VIVOquaderni-fvg-scaramuzza-attestazione-riconoscimento (1) a cura della Società Filosofica Italiana – Sezione FVG Presentazione di “Edizione” 2015. Dall’attestazione al riconoscimento. In ricordo di Paul Ricœur, a cura di Francesca Scaramuzza, Mimesis, Milano-Udine 2016. Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e FABRIZIO TUROLDO Introduce BEATRICE BONATO Fra il 1989 e il 1998 la Sezione FVG ha compiuto un indimenticabile percorso filosofico insieme a Paul Ricœur, protagonista di incontri pubblici e seminari con interventi che anticipavano alcune sue opere maggiori. Il Quaderno di “Edizione” 2015, realizzato a dieci anni dalla scomparsa del grande pensatore, ripropone  quei  testi, inediti o non più disponibili, in cui sono esposti snodi cruciali del suo pensiero. Spiccano la riflessione sulla pluralità,  la meditazione sulla fondamentale storicità dell’esperienza umana, l’accento sulla tensione alla felicità pur attraverso l’esperienza della sofferenza, la ricerca sui temi della giustizia e del riconoscimento. A questi preziosi materiali si affiancano i contributi di Francesca Scaramuzza, Fabrizio Turoldo, Beatrice Bonato, Guido Gorgoni, Eliana Villalta, dedicati a diversi aspetti del pensiero ricœuriano.

    I testi qui raccolti permettono di cogliere la natura del percorso filosofico compiuto fra il 1989 e il 1998 dalla Sezione FVG della SFI assieme a Paul Ricœur. Questi scritti, talora presentati dall’autore in anteprima anche rispetto alla pubblicazione francese delle opere maggiori sull’argomento, affrontano snodi cruciali del suo pensiero. In alcuni di essi la riflessione sulla pluralità appare centrale: pluralità dei sensi dell’essere in Aristotele per pensare un’ontologia oltre Heidegger e Levinas; pluralità delle prospettive della verità e dei livelli dell’agire umano; pluralità dei generi letterari della Bibbia e, dunque, dei nomi di Dio. In altri, la riflessione sulla fondamentale storicità della condizione umana accompagna, pur attraverso l’esperienza della sofferenza, la tensione alla felicità, mentre dalla difficoltà di porre in relazione vissuto e istituzione sorge la ricerca della giustizia e del riconoscimento.

    Testi di Paul Ricoeur; articoli di Beatrice BonatoGuido GorgoniFrancesca ScaramuzzaFabrizio TuroldoEliana Villalta

    vl12_cover_ok Udine, 07-05-2016 - VICINO/LONTANO 2016 -  CASA CAVAZZINI - Paul RicÏur, un pensiero vivo - presentazione della rivista ÒEdizioneÓ 2015 - intervengono FRANCESCA SCARAMUZZA, FABRIZIO TUROLDO - introduce BEATRICE BONATO  - Foto © 2016 Elia Falaschi/ Phocus Agency

    Il volume è stato  presentato nell’incontro, a cura della Sezione FVG, PAUL RICOEUR, UN PENSIERO VIVO, Sabato 7 maggio alle ore 15 a Casa Cavazzini,nell’ambito della 12° edizione di vicino/lontano. Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e FABRIZIO TUROLDO. Introduce BEATRICE BONATO

    Puoi acquistare il volume sul sito della casa editrice Mimesis. Leggi il programma completo della 12° edizione di vicino/lontano sul sito http://www.vicinolontano.it/
  • 08-05-16 11:00 - 08-05-16 13:00
      La Sezione FVG della Società Filosofica Italiana è stata presente al festival  anche Domenica 8 maggio, alle ore 11, presso l’Oratorio del Cristo, con l’evento realizzato in collaborazione con vicino/lontano Udine, 08-05-2016 - VICINO/LONTANO 2016 - ORATORIO DEL CRISTO - La cura necessaria - incontro con DUCCIO DEMETRIO - Intervengono BEATRICE BONATO, MASSIMO DE BORTOLI - Foto © 2016 Alice BL Durigatti/ Phocus Agency

    LA CURA NECESSARIA

    Incontro con DUCCIO DEMETRIOInterventi di BEATRICE BONATO MASSIMO DE BORTOLI

    Diverse ragioni ci spingono oggi a considerare con interesse le figure della fragilità e della debolezza, tanto nelle relazioni intersoggettive quanto nella difficile costruzione dell’identità personale. La vulnerabilità è un tratto umano ineliminabile, non necessariamente negativo: è in quanto siamo vulnerabili, infatti, che possiamo essere colpiti, feriti, ma anche “toccati” dagli altri e dal mondo, esposti alla ricchezza e al rischio delle relazioni. D’altra parte, prendere coscienza della nostra comune condizione vulnerabile significa riconoscere che le nostre vite hanno bisogno di cura. Su questa nozione risalente alla filosofia antica, dove indicava una pratica costante volta a imparare a vivere, molte voci del pensiero filosofico e pedagogico contemporaneo riflettono da tempo intensamente. Senza nascondere la complessità e anche le ambiguità della cura, sospesa tra la ricerca della felicità e la volontà di controllo, comunque “necessaria”.

    Leggi il programma completo della 12° edizione di vicino/lontano sul sito http://www.vicinolontano.it/

     
  • 16-09-16 18:30 - 16-09-16 19:30
    Presentazione di Edizione 2015, a cura di Francesca Scaramuzza (Mimesis, Milano-Udine 2016).

    Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e GUIDO GORGONI. Presenta ELIANA VILLALTA

      I testi qui raccolti colgono la natura del percorso filosofico compiuto fra il 1989 e il 1998 dalla Sezione FVG della SFI assieme a Paul Ricœur. Questi scritti affrontano snodi cruciali del suo pensiero, come la riflessione sulla pluralità: pluralità dei sensi dell'essere; pluralità delle prospettive della verità e dei livelli dell'agire umano; pluralità dei nomi di Dio. In altri, la riflessione sulla fondamentale storicità della condizione umana accompagna, pur attraverso l'esperienza della sofferenza, la tensione alla felicità, mentre dalla difficoltà di porre in relazione vissuto e istituzione sorge la ricerca della giustizia e del riconoscimento.

     Palazzo Gregoris, 16 settembre 2016 ore 18.30

  • 19-11-16 16:00 - 19-11-16 18:00

    RISPONDERE DI SÉ. CURA E RESPONSABILITÀ tra diritto, filosofia, psichiatria e psicoanalisi

    Due giornate di studio e confronto pubblico in collaborazione con vicino/lontano, Liceo scientifico N. Copernico, Clinica psichiatrica di Udine, Università di Udine, Comune di Udine. La Sezione FVG propone al pubblico di Udine una nuova importante iniziativa dal taglio fortemente interdisciplinare, con la partecipazione di filosofi, psichiatri, psicanalisti, magistrati, pedagogisti.

    Udine, 18-19 Novembre 2016

    La due-giorni si svilupperà in tre momenti e si svolgerà in tre sedi:

    pubblico rds

    1.Venerdì 18 novembre, ore 11-13 e 15-17 AULA MAGNA del Liceo Copernico Incontro dedicato agli studenti del Liceo Copernico ore 11, interventi di GIORGIO GIACOMETTI, La filosofia può curare? CLAUDIA FURLANETTO, L’imputabilità in psicanalisi  MATTEO BALESTRIERI, Di chi è la mia vita? L’eutanasia sullo schermo cinematografico; ore 15, interventi di CORRADO BARBAGALLOLa psichiatria forense e la valutazione delle capacità  LIONELLA MANAZZONEGiudicare e curare  Coordina BEATRICE BONATO

    rovatti colucci cantone2.Venerdì 18 novembre, ore 18 LIBRERIA TARANTOLA. Presentazione del numero 370 di “aut aut” Individui pericolosi, società a rischio Interventi di MARIO COLUCCIPIER ALDO ROVATTI Presenta DAMIANO CANTONE INCONTRO PUBBLICO E GRATUITO

    3.Sabato 19 novembre, ore 16 ORATORIO DEL CRISTO Tavola rotonda con interventi di GRAZIELLA BERTOMARIO COLUCCI, GIORGIO GIACOMETTI,   LIONELLA MANAZZONEDAVIDE ZOLETTO. Modera BEATRICE BONATO INCONTRO PUBBLICO E GRATUITO

    RISPONDERE DI SÉ è realizzato con il sostegno della Fondazione Crup e con il contributo dell’Azienda Progetto2.

    Vedi: Furlanetto, Imputabilità in psicoanalisi e La psichiatria forense. Barbagallo

    Qui Abstract del convegnoqui flyer con programma dettagliato.

    RISPONDERE DI SÉ è realizzato con il sostegno della Fondazione Crup e con il contributo dell’Azienda Progetto2.

  • 13-05-17 18:00 - 13-05-17 20:00
    Sabato 13 maggio, ore 18  Chiesa di S. Francesco  “Per una vita non fascista Interventi di ELEONORA DE CONCILIIS, PAOLO GODANI, BRUNO MORONCINI. Modera BEATRICE BONATO

    Perché si obbedisce a un ordine, anche se assurdo? Decenni di studi sulla complicità delle persone comuni con i sistemi totalitari hanno chiarito che l’opportunismo e la paura delle conseguenze di una ribellione non sono spiegazioni sufficienti. Esiste forse, a fianco del desiderio anarchico e libertario, un “desiderio fascista”, come sostenevano Deleuze e Guattari ai tempi dell’Anti-Edipo? In effetti, ogni volta che si riaffaccia, nel discorso filosofico e politico, il motivo dell’utopia, siamo costretti a rifare i conti con questo lato in ombra della soggettività, ovvero con la tendenza degli esseri umani non solo ad amare le proprie catene, ma a collaborare, e in certi casi a costruirne di più solide. Una vita “non fascista”, per usare la bella espressione di Michel Foucault, non è garantita da istituzioni formalmente liberali e democratiche; essa richiederebbe, per potersi dispiegare, quantomeno una sospensione di tante piccole e grandi schiavitù quotidiane. Un esercizio non facile nel momento presente, in cui vediamo convivere le ben note spinte ultraliberiste dei mercati con la neo-burocrazia degli apparati amministrativi.

  • 11-05-18 18:00 - 11-05-18 19:00
    VENERDI’ 11 MAGGIO – ORE 18  - Fondazione Friuli              Udine, Va Manin, 15  A cura della Società Filosofica Italiana – Sezione FVG In collaborazione con il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Udine

    imageSulla cura. Pratiche e prospettive a confronto Presentazione dell’ultimo Quaderno di “Edizione”

    Intervengono FRANCESCO BILOTTA, BEATRICE BONATO, CLAUDIA FURLANETTO

    La cura ha molti significati. Ѐ innanzitutto il punto di partenza per un’azione collettiva che miri a rendere possibile una vita “decente”, arginando la distruzione di risorse, legami sociali, diritti politici e umani. Ѐ una credenza ragionevole, alternativa ai dogmi utilitaristici, capace di mettere in moto nuovi processi immaginativi e di dar vita a pratiche feconde di caring economy. Su un terreno diverso, all’incrocio tra diritto, psichiatria forense e psicoanalisi, la questione della cura incontra quella della responsabilità personale, sfidando la riflessione filosofica a ripensare ancora una volta la soggettività. Cos’è la “cura di sé” a cui il pensiero socratico sollecita i cittadini? Ѐ davvero un esercizio di autosufficienza in antitesi con la nostra vulnerabilità? E a quali condizioni la cura di sé è compatibile con la valorizzazione della cura per l’altro?

    Il nuovo Quaderno di “Edizione” punta a restituire l’immagine di un ampio lavoro condotto su più fronti, alla ricerca di un legame non oppositivo tra cura di sé, cura dell’altro, cura del mondo.

    Vedi la presentazione del festival a cura di Vicino/lontano alla conferenza stampa del 18 aprile scorso Comunicato-stampa Vicinolontano 2018

Questo sito usa i Cookies, se prosegui la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Per maggiori informazioni guarda la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi