Summer School

go

SUMMER SCHOOL DI FILOSOFIA e TEORIA CRITICA 2017
CRISI DELLA DEMOCRAZIA? Lessico politico per il XXI secolo

 

Pubblichiamo le più accurate ed efficaci relazioni di studentesse e studenti che hanno seguito la Summer School:

Elena Toso, classe 5°E del Liceo scientifico Copernico di Udine. Ecco il suo testo, che offre un puntuale resoconto del lavoro svolto con la prof.ssa Ilaria PossentiElena Toso – La crisi della democrazia

Giulia Di Giusto, classe 5°B, Liceo scientifico Copernico di Udine. Qui il suo testo, personale rielaborazione dell’intervento e del seminario del professor Dario GentiliGiulia Di Giusto – Relazione Summer School

Alice Pellicciotti, sempre della classe 5°B del Copernico, ha svolto un’ampia e articolata esposizione sulla lezione e il seminario del professor Paolo Vianello. Qui la sua relazione: Alice Pellicciotti -Relazione Summer School 2017

**************************************************************************************************

goSUMMER SCHOOL
DI FILOSOFIA e TEORIA CRITICA 2017
CRISI DELLA DEMOCRAZIA? Lessico politico per il XXI secolo


25-29 settembre 2017. Gorizia, Polo Universitario di Via d’Alviano, 18

Corso residenziale di approfondimento per gli studenti degli Istituti superiori membri della RETE per la Filosofia, e di formazione-aggiornamento per i docenti

Qui il programma completo: Programma Summer School 2017

Quinta edizione della Summer School, corso di approfondimento filosofico dedicato agli studenti delle scuole superiori che fanno parte della Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, o che hanno chiesto di iscriversi alla Rete. La Summer School è organizzata dalla Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, della quale fanno parte numerosi Licei e Istituti superiori di tutto il Friuli-Venezia Giulia, i Dipartimenti umanistici delle Università di Trieste e di Udine, la Società Filosofica Italiana – Sezione Friuli Venezia Giuliacon il ruolo di soggetto capofila. Il titolo generale di quest’anno è Crisi della democrazia? Lessico politico per il XXI secolo. Si metteranno a disposizione degli studenti gli strumenti critici forniti dalla riflessione politica di studiosi di diversa formazione, saggiandone la tenuta nel confronto con la filosofia del XX e XXI secolo. Il corso avrà la durata di cinque giorni, con due turni, il primo dal 25 al 27 settembre, il secondo dal 27 al 29. In ciascun turno gli studenti, divisi in gruppi più piccoli, potranno seguire lezioni e seminari con modalità didattiche attive. Mercoledì 27 tutti i partecipanti di entrambi i turni seguiranno in seduta plenaria un convegno di studio con cinque conferenze sui temi del corso.

Interverranno i professori

Convegno di mercoledì: LAURA BAZZICALUPOCARLO FORMENTIALFONSO M. IACONOMASSIMO PIVETTIPIER ALDO ROVATTIALESSANDRO SOMMA.

Lezioni e seminari: CLAUDIO CRESSATILUCA BASSOGABRIELE DE ANNAPAOLO DESOGUSDARIO GENTILIPAOLO GODANIEDOARDO GREBLOIGOR PELGREFFIILARIA POSSENTI,  PAOLO VIANELLOFRANCESCO VITALE.

Non sono previste iscrizioni individuali di studenti, ma la partecipazione avviene attraverso i canali istituiti nelle singole scuole, che scelgono autonomamente le modalità per la selezione dei partecipanti e si occupano della comunicazione e della organizzazione interna.

NOVITÀ IMPORTANTEla partecipazione degli insegnanti potrà essere riconosciuta ai fini della formazione, unitamente ad altre attività culturali e didattiche, all’interno dell’ampio progetto TRADIZIONE E CONTEMPORANEITÀ, ideato e organizzato dalla Sezione FVG in accordo con la SFI nazionale.

Alcune foto

image25 ottobre. Il saluto di Brunello Lotti, Professore Associato di Storia della Filosofia, a nome dell’Università di Udine

image28 ottobre. La lezione di Dario Gentili

image29 ottobre. Il seminario di Gabriele De Anna

20170927_09402027 ottobre Smaglianti studenti e docenti del pordenonese al Convegno nell’Aula Magna del Polo universitario di Gorizia.

*************************************************************************************************

goSUMMER SCHOOL 2016

Soggetto e desiderio nel lascito freudiano alla filosofia. Le lezioni di Igor Pelgreffi, Graziella Berto, Pier Aldo Rovatti e Paolo Godani

Tra i molti pregi di questa edizione della Summer School di Filosofia e Teoria critica, c’è senz’altro quello di aver rimesso a fuoco un aspetto centrale e problematico del rapporto tra la scoperta freudiana e la filosofia del Novecento e di averlo reso accessibile alla folta platea di studenti con una chiarezza non scontata e non facile da raggiungere. Il punto è questo: posto che la psicoanalisi ha fatto saltare una certa idea di soggetto, rompendone l’identificazione con la coscienza, portando alla luce una dimensione dell’inconscio dominata da dinamiche indipendenti dall’io, la questione del soggetto che fine fa? È ancora un tema sul quale vale la pena che la filosofia si affatichi, oppure è un residuo di cui disfarsi? continua qui

************************************************************************

Qualche foto dalla Summer school 2016

ss9

Beatrice Bonato presenta Pier Aldo Rovatti

ss1

La lezione di Rovatti

ss5

L’attenzione degli studenti

 

ss1

In attesa dell’inizio della lezione

ss4

Il professor Igor Pelgreffi a lezione

e  il seminario

ss10

 

ss6

Il professor Tiziano Possamai guida gli studenti durante il suo seminario

ss13

La lezione della professoressa Graziella Berto

ss15

Interni escheriani dell’edificio

**********************************************************************

Al via la SUMMER SCHOOL  DI FILOSOFIA e TEORIA CRITICA

Edizione 2016 a Gorizia

goLa Sezione FVG  da quest’anno soggetto capofila della RETE

Dal 26 settembre al 5 ottobre 2016 si svolgerà la quarta edizione della Summer School, corso residenziale di approfondimento filosofico, quest’anno ospitato al Polo universitario di Gorizia, in via D’Alviano. La Summer School è organizzata dalla RETE per la Filosofia e gli Studi umanistici, della quale fanno parte Licei e Istituti superiori di tutto il Friuli-Venezia Giulia, i Dipartimenti umanistici delle Università di Trieste e di Udine, la Società Filosofica Italiana – Sezione Friuli Venezia Giulia, che da quest’anno ha il ruolo di soggetto capofila.

La prossima edizione ha come titolo La psicoanalisi di Freud e il pensiero del Novecento. Le lezioni, i seminari, i laboratori e le conferenze della scuola attraverseranno, a partire dall’opera di Freud, alcune linee cruciali di sviluppo della psicoanalisi, mostrandone la fecondità per i percorsi del pensiero contemporaneo e saggiandone la tenuta alla luce del confronto con la filosofia. La Summer School intende così mettere a disposizione degli studenti alcuni strumenti critici e metodologici per abbordare importanti temi del pensiero di Freud, a partire dall’inconscio, dal decentramento del soggetto, dalla riflessione sul linguaggio e sull’immaginario, in un’ottica che non perde di vista le molteplici implicazioni della psicoanalisi.

Coordinatore generale della Rete e responsabile scientifico della Summer School è Raoul Kirchmayr, docente all’Università di Trieste e al Liceo Galilei di Trieste.

Vedi anche Nuova Convenzione della Rete , il programma 2016 e il Flyer di presentazione della Summer School

**********************************************************************

Summer School 2015 – Scuola di Filosofia e Teoria critica

Si è conclusa la Summer School – Scuola di Filosofia e Teoria critica. La Scuola è organizzata dalla RETE regionale per la Filosofia e gli Studi umanistici (gradoqui l’atto istitutivo) della quale fanno parte Licei e Istituti superiori di tutto il Friuli Venezia Giulia, con capofila il liceo Marinelli di Udine, le Università di Trieste e di Udine, la Sezione FVG della Società Filosofica Italiana. Si tratta di un’esperienza di alto livello culturale, in cui gli studenti hanno la possibilità di ascoltare conferenze di docenti e ricercatori universitari, nonché di svolgere attività seminariali in gruppi più piccoli con approfondimenti testuali e discussioni. Il titolo dell’edizione del 2015 è IDENTITÀ E ALTERITÀ. Filosofia, Antropologia, cultura. (qui il programmacontinua a leggere

**********************************************************************

Summer School. I seminari visti dagli studenti

Il resoconto del seminario di Sergia Adamo di Federica Bortoluzzi, studentessa del Liceo Copernico di Udine

Non si nasce donna, lo si diventa. Il corso seminariale di Sergia Adamo Che cos’è il genere? Rappresentazioni, teorie, tradizioni di pensiero si è aperto con questa celebre citazione. Lo slogan di Simone de Beauvoir é stato il punto di partenza, e per certi versi anche quello d’ arrivo, di un percorso filosofico attraverso quattro paradigmi, che la docente ha illustrato per disegnare una mappa concettuale non cronologica sulle questioni di genere. continua a leggere

**********

Report sul seminario di Tiziano Possamai di Carlo Polo del Liceo Le filandiere di San Vito al Tagliamento

ssgrado-2Identità. Uno dei cardini filosofici, sociologici e antropologici della cultura occidentale. Siamo tutti portati a riconoscere in essa un carattere di univocità, per una tradizione che si radica nell’eleatismo e procede da Aristotele alla Scolastica trovando il suo apogeo in Christian Wolff nel Settecento. continua a leggere

**********

Identità e alteritàA cura degli studenti del Liceo Leopardi-Majorana di Pordenone

Il tema dell’identità e dell’alterità è un argomento molto discusso e radicato nella natura umana, per questo è protagonista di un gran numero di dibattiti filosofici. Nel nostro incontro, riguardante l’idea di uguaglianza e diversità, sono stati trattati argomenti che hanno approfondito i vari aspetti e i vari significati che questi due termini possono avere. continua a leggere

**********

Sul seminario di Francesco Valagussa Che cosa significa tradurre?
di Laura Palmegiano e Martina Galletti, 5F del Liceo Copernico di Udine
Abituati a gesso e lavagna, l’Isola di Grado ha saputo mostrarci un altro modo di fare scuola, superando la barriera tra cattedra e alunni. continua a leggere

e di Francesco Paissan, 5A del Liceo Marinelli di Udine qui

**********

Le domande dei ragazzi a Davide Zoletto

di Maria Vidal, docente del Liceo Copernico

Dice di essere ogni volta stupito da quanto le domande dei ragazzi delle scuole superiori siano precise, acute, capaci di cogliere i nuclei essenziali delle questioni messe in campo e siano forse meno strutturate, più originali e creative, rispetto a quelle dei suoi abituali allievi, giovani universitari del corso di Pedagogia dell’Università di Udine. continua a leggere

**********

Sul seminario di Tomi Bartole

di Giovanni Barbetta 5A del Liceo Marinelli di Udine

Tomi Bartole, The experience and imperative of not understanding in anthropology: a fieldwork in Papua New Guinea (l’esperienza e l’imperativo di non comprendere in antropologia: lavoro sul campo in Papua Nuova Guinea) continua qui

**********************************************************************

Sul seminario di Simone Furlani

di Veronica Vit, Liceo “Le Filandiere”
Sulla differenza: per una breve storia del concetto” così il docente Simone Furlani ha voluto intitolare il suo seminario, tenuto nelle due giornate del 23 e 24 settembre durante il grande incontro della Summer School 2015 a Grado, a sua volta intitolata “Identità e alterità”. Simone Furlani, docente di Filosofia e storia presso l’istituto “d’Annunzio” di Gorizia ed autore di due monografie sul pensiero di Fichte e di Hegel, ha introdotto il significato della nozione di differenza, prendendo come spunto di ragionamento i tre grandi teorici di questo ampio concetto: Fichte, Hegel ed infine Nietzsche. continua qui

**********************************************************************

Rovatti alla Summer School 

Sabato 26 settembre è stato il giorno di Rovatti, il più noto e prestigioso ospite della Scuola di Filosofia e Teoriapa-rovatti critica. Rovatti è un maestro della filosofia italiana, le sue opere hanno segnato un impegno costante a portare le ventate di novità della filosofia francese, della fenomenologia, del pensiero critico e di tutte quelle scuole che hanno dimostrato di essere capaci di sviluppare gli strumenti di lettura più raffinati della realtà. Lo ha fatto sia con i suoi scritti sia organizzando una comunità di lavoro che, soprattutto attraverso la direzione della rivista “aut aut”, ha saputo ritagliarsi una posizione di prestigio nel panorama della filosofia non solo italiana. Rovatti ha permesso a molti dei suoi allievi di sviluppare autonomamente le loro migliori energie e di metterle alla prova senza pregiudizi e senza ipocrisie. Molti di coloro che lavorano alla Sfifvg e alla RETE regionale per la Filosofia e gli Studi umanistici sono stati suoi allievi e riconoscono il suo magistero.

**********************************************************************