HOME

Venerdì 23 giugno 2017, ore 21    Corte Morpurgo, Via Savorgnana 10, UDINE

Noir de Syrie    NOIR DE SYRIE locandina

di Sandro Minisini

Lettura scenica a tre voci con Stefano Rizzardi, Paolo Fagiolo, Alessandra Pergolese. Musiche: Benedetto Parisi, Giorgio Parisi

Adattamento: Stefano Rizzardi.
Coordinamento: Daniela Isola

 NOIR DE SYRIE SCHEDA

******************************************************************************************************

Giovedì 15 giugno 2017  Cripta Aula Magna, ore

9.15-18.45   Largo A. Gemelli, 1 – Milano 

Giornata di studio sulla didattica della filosofia nell’Università italiana

Convegno organizzato da  DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA – CONSULTA NAZIONALE DI FILOSOFIA – SFI – SOCIETÀ FILOSOFICA ITALIANA

Programma  qui: didattica della filosofia 15.6.17

 ***********************************************************************************

Dantis_Amore_1859_60 dante gabriel rossetti

FILOSOFIA IN CITTA': Che cosa significa pensare?

Si è conclusa con successo la seconda edizione di FILOSOFIA IN CITTÀ, a cura della Sezione FVG, realizzata grazie alla collaborazione con il Teatro Nuovo Giovanni da Udine – Casa Teatro, il Conservatorio Tomadini, l’Università degli Studi di Udine, l’associazione culturale Vicino/lontano, la Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, i Licei scientifici N. Copernico e G. Marinelli, il Comune di Udine e i Civici Musei, con il sostegno della Fondazione Friuli e dell’azienda Progetto 2. Il progetto, curato da Beatrice Bonato ed Enrico Petris, si è articolato in sette appuntamenti a ingresso libero e gratuito: cinque incontri domenicali e due mattinate dedicate in particolare agli studenti. Il coordinamento per la parte musicale è del M° Renato Miani. Letture sceniche di Cristina Benedetti, Alessandra Pergolese, Stefano Rizzardi.

I docenti iscritti che non hanno ritirato l’attestato di partecipazione potranno richiederlo scrivendo a beatrice.bonato@tin.it.

Abstract, fogli sala con letture, foto degli incontri alle voci del menù  Archivio e Filosofia in città.

Doppio appuntamento a maggio

Domenica 21 maggio, ore 11 Teatro Nuovo Giovanni da Udine

imageUn pensiero narrante. La figura e l’opera di IRIS MURDOCH
RICCARDO FANCIULLACCI dialoga con Beatrice Bonato e Enrico Petris sulla figura e l’opera di Iris Murdoch
Letture di Cristina Benedetti, Alessandra Pergolese, Stefano Rizzardi. Musiche di Schumann e Ligeti. Francesca D’Odorico al pianoforte.

Foglio sala 21 maggio con letture

Iris Murdoch ha elaborato nel secolo scorso una riflessione filosofica originale, anche attraverso il confronto ravvicinato con alcune figure fondamentali della cultura europea, quali Jean-Paul Sartre, Elias Canetti, Simone Weil, ma pure in una distanza critica dalle loro posizioni. Alle loro spalle, campeggia costante la presenza dell’opera platonica, in cui l’autrice ritiene di trovare il riferimento che manca alle teorie contemporanee quando cercano di spiegare l’esperienza morale: ovvero il riferimento al bene, al male, all’effettualità del valore. Dell’esistenzialismo, ad esempio, Murdoch giudica insoddisfacente la spiegazione della scelta sulla base di una libertà astratta, sradicata da qualsiasi terreno vitale. Proprio in nome della realtà di cui gli esseri umani fanno esperienza, non certo dell’adesione a una prospettiva idealistica, l’autrice va alla ricerca di descrizioni fenomenologicamente più verosimili. E nei suoi romanzi, spesso enigmatici, un’autonoma forma di pensiero “narrante” punta a illuminare i dilemmi in cui le vite si impigliano.

  DSC_3012_9668 DSC_3097_9753 DSC_3085_9741 DSC_3120_9776 DSC_3022_9678 DSC_3031_9687

Sabato 20 maggio ore 10.30 Auditorium Zanon
FILOSOFIA IN CITTÀ – SCUOLE

luisa muraroLUISA MURARO
Filosofia e femminismo dagli anni Settanta a oggi
Incontro dedicato agli studenti dei Licei. Introduce e modera BEATRICE BONATO
Martina Conte, Enrico Di Bert, Thomas Thornton, del Liceo Copernico, hanno letto passi (che trovate qui) da Al mercato della felicità di Luisa Muraro

L’incontro di sabato è una rara e importante occasione, soprattutto per i più giovani, per ascoltare e conoscere di persona una delle maggiori pensatrici italiane del nostro tempo, filosofa e femminista cofondatrice del gruppo Diotima. Esponente tra le più originali del pensiero della differenza sessuale nel panorama internazionale, ma anche studiosa dell’esperienza mistica intesa come via alternativa in un mondo dominato dalle logiche patriarcali, Luisa Muraro ha teorizzato l’elaborazione di nuove genealogie femminili, a partire dall’”ordine simbolico della madre”, formula che dà il titolo a una delle sue opere più celebri. Di recente ha pubblicato saggi coraggiosi, e perciò inevitabilmente controversi, su temi scottanti, quali quello della maternità surrogata. Cercando di ricostruire i molti fili della sua esperienza teorica e pratica nel movimento delle donne, parleremo con Luisa Muraro di femminismo e filosofia dagli anni Settanta a oggi, in dialogo con gli studenti e con il pubblico.

*********************************************************************

imageAppuntamenti con la Sezione FVG a Vicino/lontano 

Anche quest’anno parteciperemo al festival Vicino/lontano con due eventi, il 12 e il 13 maggio. La Sezione FVG, che è tra i principali partner dell’Associazione Vicino/lontano, ha collaborato inoltre all’ideazione della lectio magistralis di LUCIANO FLORIDI, pure in programma il 12 maggio alle 19.30 alla Chiesa di S. Francesco.

Venerdi 12 maggio, ore 18   Libreria Feltrinelli

VITE TRASPARENTI

Prima presentazione del Quaderno di “Edizione” 2016. La trasparenza e il segreto, Mimesis 2017, in dialogo con due studiosi del gruppo di ricerca interdisciplinare IPPOLITA, autore del recente Anime elettriche, Jaca Book 2016.

Interventi di BEATRICE BONATO, CLAUDIO TONDO, GRUPPO IPPOLITA

copertinatraspsegrLa pervasività dei dispositivi di controllo informatico, economico, politico, tecnico suscita reazioni contraddittorie: l’ossessione della privacy, da un lato, la compulsione allo svelamento di se stessi dall’altro. Diversi tra i contributi di questo numero di Edizione propongono una critica alla retorica della trasparenza. Occorre senza dubbio riconoscere l’ispirazione illuministica dei processi tecnoscientifici in marcia verso una visibilità sempre più diffusa e totale. Se ad alcuni, per esempio,  l’idea di un soggetto costantemente impegnato a misurare le proprie prestazioni – come nel movimento del Quantified Self – può apparire mostruosa, altri potranno cogliervi l’occasione per sperimentare una nuova soggettività e una nuova umanità. Difficile non coglierne però il risvolto di dominio che tali pratiche portano con sé. Inoltre, si può anche considerare la sottrazione di qualche spazio ai dispositivi onniveggenti di monitoraggio e misurazione come una condizione minima di vivibilità,  persino una condizione di possibilità della sensatezza e dell’efficacia di molte attività. E riscoprire un certo “gusto del segreto”.

Sabato 13 maggio, ore 18  Chiesa di S. Francescovl

 Per una vita non fascista

Confronto con  ELEONORA DE CONCILIIS, PAOLO GODANI, BRUNO MORONCINI. Modera BEATRICE BONATO

Perché si obbedisce a un ordine, anche se assurdo? Decenni di studi sulla complicità delle persone comuni con i sistemi totalitari hanno chiarito che l’opportunismo e la paura delle conseguenze di una ribellione non sono spiegazioni sufficienti. Esiste forse, a fianco del desiderio anarchico e libertario, un “desiderio fascista”, come sostenevano Deleuze e Guattari ai tempi dell’Anti-Edipo? In effetti, ogni volta che si riaffaccia, nel discorso filosofico e politico, il motivo dell’utopia, siamo costretti a rifare i conti con questo lato in ombra della soggettività, ovvero con la tendenza degli esseri umani non solo ad amare le proprie catene, ma a collaborare, e in certi casi a costruirne di più solide. Una vita “non fascista”, per usare la bella espressione di Michel Foucault, non è garantita da istituzioni formalmente liberali e democratiche; essa richiederebbe, per potersi dispiegare, quantomeno una sospensione di tante piccole e grandi schiavitù quotidiane. Un esercizio non facile nel momento presente, in cui vediamo convivere le ben note spinte ultraliberiste dei mercati con la neo-burocrazia degli apparati amministrativi.

Udine, 13-05-2017 - VICINO LONTANO 2017 - Teatro Nuovo Giovanni Da Udine - Premio Terzani 2017 - con SORJ CHALANDON, ALBERTO NEGRI, ANGELA TERZANI STAUDE, FURIO HONSELL, AIDA TALLIENTE, PAOLO FAGIOLO, PAOLO FORTE, CLAUDIO DE MAGLIO, GIANNI CIANCHI - Serata per la premiazione di Sorj Chalandon - Premiano il vincitore Angela Terzani e il Sindaco di Udine Furio Honsell Sorj Chalandon dialoga con Alberto Negri Paolo Fagiolo e Aida Talliente leggono passi da La quarta parete Suggestioni musicali di Paolo Forte alla fisarmonica Claudio De Maglio conduce la serata Regia Gianni Cianchi  -  Foto © 2017 Paolo Jacob / Phocus Agency

* Comunicazione per i soci SFI-FVG e per gli iscritti alla rassegna FILOSOFIA IN CITTA’: La partecipazione agli eventi a cura della Sezione FVG a V/L sarà riconosciuta nell’attestato che consegneremo domenica 21 maggio, in occasione dell’ultimo appuntamento al Teatro Nuovo G. da Udine. Gli amici e colleghi potranno trovare il foglio per le firme sul banco all’interno della Chiesa di S. Francesco e alla Libreria Feltrinelli.

*********************************************************************

Fase finale delle Olimpiadi di filosofia a Roma

La prova si è svolta al Residence Parco Tirreno, lungo la via Aurelia. I candidati vincitori delle selezioni regionali avevano a disposizione delle sedie con tavolini ribaltabili. I testi delle tracce si possono trovare qui.

Oli17

 *********************************************************************

PER UN’ECONOMIA DI CURA
Economia di cura-page-001
Dal 7 marzo al 8 maggio 2017, si terranno a Pordenone tre conferenze sull’economia di cura. Il ciclo sviluppa il tema ricco e sfaccettato della cura, proseguendo il lavoro che la Sezione FVG, in collaborazione con licei, enti istituzionali e associazioni culturali, conduce dalla primavera 2016 a Pordenone e a Udine.

**************************************************************************

Festival PENSARE IL PRESENTE 2017 (locandFESTIVAL PENSARE IL PRESENTE 2017

In occasione della seconda edizione del Festival Pensare il presente, un nuovo libro in download gratuito dal sito www.pensareilpresente.it con interventi di Emanuele Severino, Enrico Berti, Franca D’Agostini, Massimo Donà. A cura della sezione trevigiana della SFI.

**************************************************************************

Dantis_Amore_1859_60 dante gabriel rossettiCHE COSA SIGNIFICA PENSARE?Locandina-FILOSOFIA-IN-CITTA-2017
FILOSOFIA IN CITTÀ 2017
Seconda edizione

Dal 22 gennaio 2017 la Sezione FVG della Società Filosofica Italiana presenta al pubblico cittadino FILOSOFIA IN CITTÀ 2017, nuovo ciclo di conversazioni filosofiche con letture e musiche, realizzate in collaborazione con gli autorevoli partner istituzionali della prima edizione del 2016: il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, il Conservatorio Tomadini, l’Università degli Studi di Udine, il Comune di Udine, la Rete per la Filosofia e gli studi umanistici e, da quest’anno, l’Associazione culturale Vicino/lontano. Fondamentale il contributo dei due Licei scientifici udinesi Copernico e Marinelli per FILOSOFIA IN CITTÀ Scuole. Con il sostegno della Fondazione Crup (Fondazione Friuli) e dell’Azienda Progetto 2continua

*********************************************************************