Home

FLORA 3teatro nuovo 2Domenica 12 giugno 2016, Teatro Nuovo Giovanni da Udine ore 11.30. Il soggetto allo specchioSesto e ultimo appuntamento di Filosofia in città 2016Colloqui sull’individuo

GIUSEPPE BEVILACQUA e PIER LUIGI D’EREDITA’ dialogano su Le confessioni di Agostino. Letture di Stefano RizzardiMusiche di Mario Pagotto, Ensemble Ouessantimage

Se vi è un passo del Vecchio testamento che ha avuto la sorte di diventare una vera e propria questione centrale della filosofia cristiana, quello è il passo di Isaia, dove si legge “nisi credideritis, non intellegetis” (Is. 7,9); il celeberrimo “se non avrete creduto, non comprenderete” è stato, infatti, lo spartiacque di tutte le interpretazioni dei rapporti fra fede e ragione. Nelle sue opere Agostino lo richiama tante volte e il dato non deve destare meraviglia. In effetti, il problema delle relazioni tra ragione e fede tormentò Agostino come pensatore anche prima della sua conversione e probabilmente fu proprio da questa complessità a volte contraddittoria che poi egli costruì un percorso, seguendo il movimento interiore dello spirito, che lo avrebbe condotto a scrivere il celebre “Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas”. Come dire che non si può impostare razionalmente il rapporto fra la ragione e qualcosa di non-razionale, sperando di addomesticare la potenza brutale e magnifica dell’irrazionale, senza passare dall’interiorità. L’elemento che fa riflettere è però che, per Agostino, comunque noi arriveremmo al paradosso di una verità interiore diversa da quella esteriore. imageQuesto è il punto cruciale. Agostino intuì che la verità si manifesta anche nel tragitto da lei più apparentemente lontano; quello che ci rende inquieti è che se  noi non riusciamo a dubitare dell’esistenza della verità (è la celeberrima tesi del “si dubito sum”) ignoriamo però il modo di cercarla. La fede è, allora, un’immane supplenza o una traccia diversa? E se è una traccia diversa, lo è al punto da costituire la scorciatoia che permette di conoscere presto e senza sforzo le verità essenziali; o vi è dell’altro?

   Foglio sala con letture

Qui l’intervento di Pier Luigi D’Eredità

Qui l’articolo di Fabiana Dallavalle del “Messaggero Veneto” del 13 giugno 2016

imageimage

***

FILOSOFIA IN CITTÀ è un progetto realizzato in collaborazione con il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, il Conservatorio J. Tomadinil’Università degli Studi di Udine, il Comune di Udine, la Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, con il sostegno della Fondazione Crup.

*****************************************************************************************

 

Fresco di stampa il nuovo Quaderno di “Edizione” dedicato a Paul Ricœur, a cura di Francesca Scaramuzza. La presentazione il 7 maggio a vicino/lontano. 

quaderni-fvg-scaramuzza-attestazione-riconoscimento (1) Edizione 2015, Dall’attestazione al riconoscimento. In ricordo di Paul Ricœur. A cura di Francesca Scaramuzza. Mimesis, Milano-Udine 2016.

I testi qui raccolti permettono di cogliere la natura del percorso filosofico compiuto fra il 1989 e il 1998 dalla Sezione FVG della SFI assieme a Paul Ricœur. Questi scritti, talora presentati dall’autore in anteprima anche rispetto alla pubblicazione francese delle opere maggiori sull’argomento, affrontano snodi cruciali del suo pensiero. In alcuni di essi la riflessione sulla pluralità appare centrale: pluralità dei sensi dell’essere in Aristotele per pensare un’ontologia oltre Heidegger e Levinas; pluralità delle prospettive della verità e dei livelli dell’agire umano; pluralità dei generi letterari della Bibbia e, dunque, dei nomi di Dio. In altri, la riflessione sulla fondamentale storicità della condizione umana accompagna, pur attraverso l’esperienza della sofferenza, la tensione alla felicità, mentre dalla difficoltà di porre in relazione vissuto e istituzione sorge la ricerca della giustizia e del riconoscimento.

Testi di Paul Ricoeur; articoli di Beatrice Bonato, Guido Gorgoni, Francesca Scaramuzza, Fabrizio Turoldo, Eliana Villalta.

Puoi acquistare il volume sul sito della casa editrice Mimesis.

vl12_cover_ok

Udine, 07-05-2016 - VICINO/LONTANO 2016 -  CASA CAVAZZINI - Paul RicÏur, un pensiero vivo - presentazione della rivista ÒEdizioneÓ 2015 - intervengono FRANCESCA SCARAMUZZA, FABRIZIO TUROLDO - introduce BEATRICE BONATO  - Foto © 2016 Elia Falaschi/ Phocus Agency

Il volume è stato  presentato nell’incontro, a cura della Sezione FVG, PAUL RICOEUR, UN PENSIERO VIVO, Sabato 7 maggio alle ore 15 a Casa Cavazzini, nell’ambito della 12° edizione di vicino/lontano. Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e FABRIZIO TUROLDO. Introduce BEATRICE BONATO

***********************************************************************************************************


vl12_cover_okLa Sezione FVG della Società Filosofica Italiana è stata presente al festival  anche Domenica 8 maggio, alle ore 11, presso l’Oratorio del Cristo, con l’evento realizzato in collaborazione con vicino/lontano

Udine, 08-05-2016 - VICINO/LONTANO 2016 - ORATORIO DEL CRISTO - La cura necessaria - incontro con DUCCIO DEMETRIO - Intervengono BEATRICE BONATO, MASSIMO DE BORTOLI - Foto © 2016 Alice BL Durigatti/ Phocus Agency

LA CURA NECESSARIA

Incontro con DUCCIO DEMETRIOInterventi di BEATRICE BONATO e MASSIMO DE BORTOLI

Diverse ragioni ci spingono oggi a considerare con interesse le figure della fragilità e della debolezza, tanto nelle relazioni intersoggettive quanto nella difficile costruzione dell’identità personale. La vulnerabilità è un tratto umano ineliminabile, non necessariamente negativo: è in quanto siamo vulnerabili, infatti, che possiamo essere colpiti, feriti, ma anche “toccati” dagli altri e dal mondo, esposti alla ricchezza e al rischio delle relazioni. D’altra parte, prendere coscienza della nostra comune condizione vulnerabile significa riconoscere che le nostre vite hanno bisogno di cura. Su questa nozione risalente alla filosofia antica, dove indicava una pratica costante volta a imparare a vivere, molte voci del pensiero filosofico e pedagogico contemporaneo riflettono da tempo intensamente. Senza nascondere la complessità e anche le ambiguità della cura, sospesa tra la ricerca della felicità e la volontà di controllo, comunque “necessaria”.

Leggi il programma completo della 12° edizione di vicino/lontano sul sito http://www.vicinolontano.it/

 

**********************************************************************************************************

sfilogo Olimpiadi di filosofia 2016 – Fase nazionale. 13-15 aprile 2016

 Ottimo risultato per la regione FVG. Tra i vincitori della fase nazionale Raffaele Indri, del Liceo “G. Marinelli” di Udine, classificatosi al 3° posto nel Canale A in Lingua Italiana.image

imageDal 13 al 15 aprile 2016, si è svolta a Roma la fase nazionale delle Olimpiadi di Filosofia. Oltre ad affrontare il concorso, che prevede la redazione di un saggio in lingua italiana o straniera, gli studenti vincitori hanno partecipato a una tre giorni ricca di occasioni di confronto  e di arricchimento culturale, tra cui ha fatto spicco la lectio magistralis di REMO BODEI sui Paradossi del tempo. 

Qui la Locandina con il programma

**********************************************************************

sfilogo
Fase regionale al Liceo Copernico di Udine a cura della Sezione FVG

Gli studenti vincitori: Raffaele Indri (Liceo scientifico Marinelli, Udine), Gianni Filograsso (Liceo scentifico Marinelli, Udine), Gianluca Michelli (Liceo scientifico Paschini, Tolmezzo), Agnese Grison (Liceo scientifico Copernico, Udine)  continua..

*************************************************************************************************************

Psicanalisi critica e amicizia del pensiero sans alibi

di Claudia Furlanetto

La collaborazione con l’Associazione Psicanalisi Critica di Firenze, presiedutaClaudia-Derrida-Blanchot-Kafka da Alberto Zino, è nata nell’autunno del 2014 in occasione di una giornata di studi dedicata a Jacques Derrida a dieci anni dalla sua scomparsa, intitolata significativamente “Dieci anni con Derrida”. In questa occasione si è parlato anche del libro Stati d’animo della psicanalisi, (a cura di C. Furlanetto, ETS, Pisa 2013). Il frutto di quei densi incontri è ora disponibile per il lettore nel libro fresco di stampa, edito anch’esso dalla casa editrice di Pisa nell’importante collana “Libertà di psicanalisi” diretta da Alessandra Guerra, Derrida, Blanchot, Kafka tra psicanalisi e filosofia, a cura di A. Zino, M. Bellumori e A. Sartini. Continua

***********************************************************************