VITE TRASPARENTI

12-05-17 18:00 - 12-05-17 19:00
Via Paolo Canciani, 5, Udine, UD, Italia Via Paolo Canciani, 5, Udine, UD, Italia

Venerdi 12 maggio, ore 18  Libreria Feltrinelli, via Paolo Canciani, 5 Udine

VITE TRASPARENTI

trasecrPrima presentazione del Quaderno di “Edizione” 2016. La trasparenza e il segreto, Mimesis 2017, in dialogo con due studiosi del gruppo di ricerca interdisciplinare IPPOLITA, autore del recente Anime elettriche, Jaca Book 2016.

Interventi di BEATRICE BONATO, CLAUDIO TONDO, GRUPPO IPPOLITA

La pervasività dei dispositivi di controllo informatico, economico, politico, tecnico suscita reazioni contraddittorie: l’ossessione della privacy, da un lato, la compulsione allo svelamento di se stessi dall’altro. Diversi tra i contributi di questo numero di Edizione propongono una critica alla retorica della trasparenza. Occorre senza dubbio riconoscere l’ispirazione illuministica dei processi tecnoscientifici in marcia verso una visibilità sempre più diffusa e totale. Se ad alcuni, per esempio,  l’idea di un soggetto costantemente impegnato a misurare le proprie prestazioni – come nel movimento del Quantified Self – può apparire mostruosa, altri potranno cogliervi l’occasione per sperimentare una nuova soggettività e una nuova umanità. Difficile non coglierne però il risvolto di dominio che tali pratiche portano con sé. Inoltre, si può anche considerare la sottrazione di qualche spazio ai dispositivi onniveggenti di monitoraggio e misurazione come una condizione minima di vivibilità,  persino una condizione di possibilità della sensatezza e dell’efficacia di molte attività. E riscoprire un certo “gusto del segreto”.

Eventi correlati

  • 20-09-15 18:30 - 20-09-15 19:30
    Presso Palazzo Badini nell'ambito di pordenonelegge Presentazione del Quaderno di “Edizione” 2014 Le voci del corpo, Mimesis 2015 Interventi di Beatrice BonatoDaniela FloriduzCaudia FurlanettoFrancesco StoppaClaudio Tondo, Roberto Cescon, Patrizia D'Agostino, Cristina Di Fusco, Marco Durigon,  Diego Kriscak, Silvia Pellegrini, Stefano Stefanel, Eliana Villalta  Le voci del corpo, a cura di Claudia Furlanetto e Claudio Tondo, Mimesis, Milano-Udine 2015. Il libro propone una serie di spunti per una riflessione sul tema del corpo cercando di articolare insieme più punti di vista che attraversano varie discipline: dalla filosofia all'arte, dalla letteratura alla psicoanalisi, dallo sport all'approccio sinestesico all'esperienza dei non vedenti, lambendo campi del sapere per lo più sconosciuti, come la vibroacustica. Il volume è nato da una collaborazione tra il Liceo Leopardi-Majorana e la Società Filosofica Italiana, sez. Friuli Venezia Giulia.   Il peso del corpo di  Beatrice Bonato Le voci del corpo, ultimo volume dei Quaderni di “Edizione”, a cura di Claudia Furlanetto e Claudio Tondo, nasce dalla collaborazione tra il Liceo Leopardi-Majorana di Pordenone e la Sezione FVG della Società Filosofica Italiana. Presentato per la prima volta nel maggio scorso a vicino/lontano dai curatori e dallo psicoanalista Alberto Zino, viene riproposto il 20 settembre a pordenonelegge, con interventi degli autori Daniela Floriduz, Francesco Stoppa, Claudia Furlanetto, Claudio Tondo, e di Beatrice Bonato. I dodici contributi  che  compongono il volume si fanno apprezzare non solo per il rigoroso lavoro compiuto  da ciascun autore, ma anche per le molteplici risonanze che rinviano dall’uno all’altro, creando una complessa polifonia. Il filo conduttore più immediatamente riconoscibile è offerto da un’interessante riflessione estesiologica, arricchita da ampi riferimenti a studi scientifici, a molteplici campi disciplinari, a pratiche di solito poco frequentate dalla filosofia. Il testo di Daniela Floriduz “Non solo buio. La sensazione del colore nei ciechi primari”, ad esempio, ha per tema un’esperienza di confine e in un certo modo paradossale, se si considera il legame in apparenza indissolubile tra colore e visione. Claudia Furlanetto commenta alcune opere del pittore Lucian Freud, alla ricerca dello sguardo che manca mentre al suo posto si impone la gravità del corpo, resa con un perturbante effetto tattile nelle figure denudate, abbandonate dal desiderio, chiuse alla relazione. L’articolo di Diego Kriscak, su alcune innovative tecniche vibroacustiche, ha alla base l’ipotesi che il suono non sia percepito solo attraverso l’udito, ma anche attraverso gli organi interni del corpo. Questo non è tuttavia l’unico livello di lettura della raccolta. Il volume spazia infatti anche su altre tematiche, come quella, centrale ed attualissima, dello sport, nei saggi di Claudio Tondo e di Stefano Stefanel; convoca in modo significativo la psicoanalisi, nel saggio già citato di Furlanetto e soprattutto in quello di Francesco Stoppa, dove si può trovare una ricostruzione limpida delle teorie lacaniane sul corpo. Molti dei contributi, dicevamo, si muovono in modo più o meno esplicito sul crinale tra più modalità sensoriali. Il carattere sinestesico della percezione assume una specifica valenza fenomenologica, ma suggerisce anche inedite aperture ontologiche. Il transito e la mescolanza da un senso all’altro anticipano, in altre parole, il passaggio dal sensibile al non sensibile, dai sensi al “senso”. Ora, passaggio non significa coincidenza, e neppure, forse, armonia e continuità. Con accenti diversi, gli autori esplorano, infatti, il differire del corpo da se stesso che l’esperienza sensibile testimonia. Per dirlo in forma molto concisa, è vero che ciascuno di noi è il proprio corpo, ma certamente la cosa non va da sé. Lo siamo, sì, non siamo nient’altro – ma questo niente si vive come uno scarto, una non coincidenza, spesso un disagio. Due saggi di argomento letterario, quelli di Roberto Cescon e di Marco Durigon, mostrano la frequenza  di una tale dissociazione. Il primo, sul corpo nella poesia italiana del Novecento, apre con una notazione introduttiva dal sapore programmatico: «a una maggiore disgregazione dell’identità [...] corrisponde una maggiore attenzione per il corpo, spesso sezionato, deformato o ibridato» (p. 145). È un’osservazione che potrebbe valere anche per altre forme espressive e per una serie di odierni discorsi sul corpo. Il corpo in primo piano, oggetto della cura estetica e di un modellamento sempre più spinto segnala non un felice rapporto con il proprio corpo, ma forse un disagio del soggetto, un dissidio tra  il sé e il corpo. Se questo fenomeno si è acuito nel nostro tempo, il nostro tempo non ne ha però l’esclusiva. Il mondo latino sa bene di che cosa si tratta. In un saggio dotto e avvincente, che offrirebbe tra l’altro ottimi argomenti a favore dello studio della letteratura latina, Marco Durigon cita un epigramma di Marziale. I versi sono rivolti a una matrona che, per nascondere le devastazioni dell’età, esagera con il trucco: «Galla, te ne stai a casa, e intanto nel mezzo della Subura tu vieni adornata e si prepara per te la chioma che ti manca, di notte deponi i denti allo stesso modo di un abito di seta, giaci riposta in cento vasetti e la tua faccia non dorme insieme con te» (p. 172). Il volto stesso, di solito sottratto alle vicende inquietanti del resto del corpo,  si divide qui totalmente dal sé, dalla persona. Quest’immagine della faccia scomposta e deposta nei vasetti del trucco, separata di notte dalla sua proprietaria addormentata, è assolutamente straordinaria. Cosa ci colpisce? Certo la frammentazione della persona, e insieme un denudamento inconfessabile, in cui il volto stesso cade al livello dell’informe. Della carne, potremmo anche dire, introducendo così una parola che ricorre più volte in altre pagine del Quaderno. Vale la pena leggere il seguito dell’epigramma, mettendone tra parentesi il brutale sessismo, per  trovare congiunte  paradossali sinestesie ed evocazioni oniriche di oggetti parziali: «Hai un bel promettermi montagne di delizie: il mio pene è sordo, e benché sia guercio tuttavia ti vede bene» (ibid.). Dire che non siamo nient’altro che il nostro corpo sottintende una messa fuori gioco, quasi scontata, del vecchio dualismo. Nessuno o quasi può dirsi oggi in senso stretto cartesiano, considerato il tramonto delle metafisiche dualistiche e l’avvento del paradigma delle neuroscienze. Questa è dunque la comune base di partenza dei testi. Detto ciò si notano, nei diversi articoli, almeno due differenti inclinazioni. Le voci si spartiscono evidenziando anche alcune dissonanze interessanti, che costituiscono un pregio del volume. Vedo dunque da un lato un’inclinazione verso l’immanenza del linguaggio, della soggettività e dell’intersoggettività al corpo, verso una sorta di fecondità del corpo in quanto luogo sorgivo del senso – il senso “spirituale” -  e insieme verso un  movimento di ritorno del senso al mondo del corpo. Così Patrizia D’Agostino (“Quando il corpo si fa lingua”) si sofferma in modo “gustoso”, è il caso di dirlo, sulla carnalità della lingua di Rabelais, con l’appoggio della filosofia materialistica del linguaggio di Jean-Jacques Lecercle.  E Cristina Di Fusco si fa guidare, nella sua riflessione sui comportamenti giovanili intitolata “I corpi vanno a scuola”, dal pensiero di Merleau-Ponty, il filosofo che si è spinto più avanti verso un pensiero del contatto e della reversibilità tra la “carne” e lo “spirito”: «Merleau-Ponty ci ha mostrato [...] come la nostra esistenza in quanto soggettività faccia tutt’uno con la nostra esistenza come corpo e con l’esistenza del mondo» (p. 200). Se dunque il corpo è il luogo di un’esperienza ambigua, instabile, di passaggio e transito tra modi di essere che si presentano l’uno come il rovescio dell’altro, questa ambiguità non comporta però separazione: «La distanza, lo spessore di carne non è perciò ostacolo ma mezzo di comunicazione e proprio il corpo può condurci alle cose stesse, inaccessibili a un soggetto di sorvolo» (p. 204). Alla fine dell’articolo, questo motivo fenomenologico e ontologico è integrato da Di Fusco con un riferimento alla potenza, nel senso spinoziano del concetto. Sulla scia di Spinoza, la mente compare come pensiero di un corpo potente, attivo, potenziato dalla riflessione, dal rapporto con se stesso, con il mondo, con l’altro. Altri testi mi pare inclinino piuttosto verso la non coincidenza, scavando nello scarto irriducibile evocato dalla stessa idea di un “rapporto” con il corpo. Parlano soprattutto la lingua della differenza. Colgo una tale inclinazione per il differire nel saggio di Eliana Villalta, dedicato al gusto, ampio e ricco percorso volto a inseguire qualcosa che in effetti sfugge sempre, persino al raffinato pensiero kantiano. In un breve saggio di Agamben, “Gusto”, si può rintracciare una lettura in una certa misura analoga. Il gusto è da una parte il senso più difficile da tradurre in linguaggio, da comunicare, il più singolare. Eppure Kant chiama con questo nome proprio la comunicabilità, l’essenza della convivialità umana. A prezzo di escluderne proprio ciò che richiama il gusto sensibile, e la contiguità “inconfessabile”, tra mangiare e parlare. Forse, mi sembra voglia dire Villalta, questa radice individuale eppure condivisibile non può che sfuggire, e deve essere lasciata sfuggire. Deve essere mantenuta nel suo segreto. Esattamente il contrario di quanto accade quando se ne fa spettacolo, come nelle gare di masterchef che oggi hanno grande successo di pubblico. Del gusto non si riesce a parlare se non attraverso spostamenti, per metafore, in linguaggio traslato. Non si può propriamente dire, né dire propriamente. E nonostante la nota etimologia che lega il sapere al sapore, non c’è, come ricorda Agamben, un sapere di questo piacere, mentre il piacere di questo sapere resta, nonostante le assicurazioni kantiane, alquanto enigmatico. Il linguaggio e le parole non sono mai senza corpo e presuppongono sempre più corpi. Corpi insieme separati e comunicanti attraverso un mezzo corporeo. Merleau-Ponty resta sullo sfondo; ma non è la carne il nome di  questo essere in comune nella divisione; non c’è niente di più dei corpi e dei loro confini a spiegare il contatto. Si condivide il confine, la singolarità. Il gusto, il sentimento della vita, resta indicibile. Per questo motivo “il gusto degli altri” – titolo di un bel film di Agnès Jaoui - è proprio quello che di loro non capiamo; è il loro godimento segreto, sempre eccessivo oppure disturbante. L’indice dell’alterità nella sua radice più profonda, come ha visto bene Žižek. Non è solo una questione di distinzione, nel senso di Bourdieu: nel gusto si trova forse l’ombelico del soggetto individuale in quanto è marcato nel corpo dal significante. Coerentemente, dunque, il saggio di Villalta si conclude così: «Diversamente dalla modernità [...] un pensiero del corpo dovrebbe impegnarsi non a riscattare la corporeità, ma a rimetterla in questione» (p. 100). Anche perché «“il gusto” nelle sue eterogeneità [...] non è mai dato, come in una rappresentazione, ma va sempre trovato, inventato. Come il “corpo”? Discorsi bastardi. Invenzioni che accadono tra noi e ci trascendono sempre» (Ibid.). Discorsi “bastardi” certo, e tuttavia forse più prossimi all’esperienza sensibile e alla cura di sé di quelli correnti, nei quali l’attenzione al corpo si declina in termini di fitness, di “forma perfetta”, di salutismo oltranzista, di giovanilismo, di modelli estetici e cosmetici omologanti. Su questa presa di distanza dal mainstream i diversi contributi del volume tornano in effetti a convergere: E anche il saggio di Claudio Tondo, “Il corpo performante dell’atleta”, benché non nasconda il fascino per lo sport, avanguardia dello human enhancement, ci avverte che la tensione al superamento postumano dei limiti corporei non va nel senso della coincidenza, ma semmai di una inedita dissociazione tra sé e il corpo. In qualche modo, verso una nuova forma di dualismo, mossa da una formidabile volontà di padronanza. E allora viene in luce una certa somiglianza tra il cerone della matrona romana sbeffeggiata da Marziale, e le protesi sempre più sofisticate che potenziano le performance del corpo.    
  • 07-05-16 15:00 - 07-05-16 17:00
    Sabato 7 maggio, ore 15. Casa Cavazzini  PAUL RICŒU R, UN PENSIERO VIVOquaderni-fvg-scaramuzza-attestazione-riconoscimento (1) a cura della Società Filosofica Italiana – Sezione FVG Presentazione di “Edizione” 2015. Dall’attestazione al riconoscimento. In ricordo di Paul Ricœur, a cura di Francesca Scaramuzza, Mimesis, Milano-Udine 2016. Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e FABRIZIO TUROLDO Introduce BEATRICE BONATO Fra il 1989 e il 1998 la Sezione FVG ha compiuto un indimenticabile percorso filosofico insieme a Paul Ricœur, protagonista di incontri pubblici e seminari con interventi che anticipavano alcune sue opere maggiori. Il Quaderno di “Edizione” 2015, realizzato a dieci anni dalla scomparsa del grande pensatore, ripropone  quei  testi, inediti o non più disponibili, in cui sono esposti snodi cruciali del suo pensiero. Spiccano la riflessione sulla pluralità,  la meditazione sulla fondamentale storicità dell’esperienza umana, l’accento sulla tensione alla felicità pur attraverso l’esperienza della sofferenza, la ricerca sui temi della giustizia e del riconoscimento. A questi preziosi materiali si affiancano i contributi di Francesca Scaramuzza, Fabrizio Turoldo, Beatrice Bonato, Guido Gorgoni, Eliana Villalta, dedicati a diversi aspetti del pensiero ricœuriano.

    I testi qui raccolti permettono di cogliere la natura del percorso filosofico compiuto fra il 1989 e il 1998 dalla Sezione FVG della SFI assieme a Paul Ricœur. Questi scritti, talora presentati dall’autore in anteprima anche rispetto alla pubblicazione francese delle opere maggiori sull’argomento, affrontano snodi cruciali del suo pensiero. In alcuni di essi la riflessione sulla pluralità appare centrale: pluralità dei sensi dell’essere in Aristotele per pensare un’ontologia oltre Heidegger e Levinas; pluralità delle prospettive della verità e dei livelli dell’agire umano; pluralità dei generi letterari della Bibbia e, dunque, dei nomi di Dio. In altri, la riflessione sulla fondamentale storicità della condizione umana accompagna, pur attraverso l’esperienza della sofferenza, la tensione alla felicità, mentre dalla difficoltà di porre in relazione vissuto e istituzione sorge la ricerca della giustizia e del riconoscimento.

    Testi di Paul Ricoeur; articoli di Beatrice BonatoGuido GorgoniFrancesca ScaramuzzaFabrizio TuroldoEliana Villalta

    vl12_cover_ok Udine, 07-05-2016 - VICINO/LONTANO 2016 -  CASA CAVAZZINI - Paul RicÏur, un pensiero vivo - presentazione della rivista ÒEdizioneÓ 2015 - intervengono FRANCESCA SCARAMUZZA, FABRIZIO TUROLDO - introduce BEATRICE BONATO  - Foto © 2016 Elia Falaschi/ Phocus Agency

    Il volume è stato  presentato nell’incontro, a cura della Sezione FVG, PAUL RICOEUR, UN PENSIERO VIVO, Sabato 7 maggio alle ore 15 a Casa Cavazzini,nell’ambito della 12° edizione di vicino/lontano. Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e FABRIZIO TUROLDO. Introduce BEATRICE BONATO

    Puoi acquistare il volume sul sito della casa editrice Mimesis. Leggi il programma completo della 12° edizione di vicino/lontano sul sito http://www.vicinolontano.it/
  • 16-09-16 18:30 - 16-09-16 19:30
    Presentazione di Edizione 2015, a cura di Francesca Scaramuzza (Mimesis, Milano-Udine 2016).

    Interventi di FRANCESCA SCARAMUZZA e GUIDO GORGONI. Presenta ELIANA VILLALTA

      I testi qui raccolti colgono la natura del percorso filosofico compiuto fra il 1989 e il 1998 dalla Sezione FVG della SFI assieme a Paul Ricœur. Questi scritti affrontano snodi cruciali del suo pensiero, come la riflessione sulla pluralità: pluralità dei sensi dell'essere; pluralità delle prospettive della verità e dei livelli dell'agire umano; pluralità dei nomi di Dio. In altri, la riflessione sulla fondamentale storicità della condizione umana accompagna, pur attraverso l'esperienza della sofferenza, la tensione alla felicità, mentre dalla difficoltà di porre in relazione vissuto e istituzione sorge la ricerca della giustizia e del riconoscimento.

     Palazzo Gregoris, 16 settembre 2016 ore 18.30

  • 16-09-17 19:00 - 16-09-17 20:00

    Sabato 16 settembre, ore 19   Ridotto del Teatro Verdi Pordenone

    LA TRASPARENZA E IL SEGRETO Con ANDREA TAGLIAPIETRA e ENRICO PETRIS. Presenta ELIANA VILLALTA

    Presentazione dell’ultimo Quaderno di Edizione a cura di Beatrice Bonato, Mimesis, Milano-Udine 2017.

    I testi raccolti in quest’ultimo Quaderno di Edizione affrontano due temi speculari che ossessionano il nostro tempo. L’imperativo della trasparenza, con la sua ambiguità, e quello, non meno problematico, del segreto. Diversi punti di vista, filosofici e storici, attraversano in molti modi anche il tema del potere. Fra l’utopia, a volte sinistra, di una completa trasparenza, e il gioco di poteri spesso invisibili, che alimentano uno sgradevole sentimento di complottismo, forse bisognerebbe riflettere ancora su un certo ‘gusto del segreto’, per quanto paradossale esso possa sembrare.

  • 11-05-18 18:00 - 11-05-18 19:00

    Si è conclusa la 14° edizione di vicino/lontano, dedicata quest'anno agli squilibri nel mondo contemporaneo. La Sezione FVG,  tra i principali partner di vicino/lontano, ha partecipato al festival con due eventi, il primo dei quali è il seguente:

    VENERDI’ 11 MAGGIO – ORE 18  - Fondazione Friuli              Udine, Va Manin, 15  A cura della Società Filosofica Italiana – Sezione FVG In collaborazione con il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Udine

    imageSulla cura. Pratiche e prospettive a confronto Presentazione dell’ultimo Quaderno di “Edizione”

    Intervengono FRANCESCO BILOTTA, BEATRICE BONATO, CLAUDIA FURLANETTO

    La cura ha molti significati. Ѐ innanzitutto il punto di partenza per un’azione collettiva che miri a rendere possibile una vita “decente”, arginando la distruzione di risorse, legami sociali, diritti politici e umani. Ѐ una credenza ragionevole, alternativa ai dogmi utilitaristici, capace di mettere in moto nuovi processi immaginativi e di dar vita a pratiche feconde di caring economy. Su un terreno diverso, all’incrocio tra diritto, psichiatria forense e psicoanalisi, la questione della cura incontra quella della responsabilità personale, sfidando la riflessione filosofica a ripensare ancora una volta la soggettività. Cos’è la “cura di sé” a cui il pensiero socratico sollecita i cittadini? Ѐ davvero un esercizio di autosufficienza in antitesi con la nostra vulnerabilità? E a quali condizioni la cura di sé è compatibile con la valorizzazione della cura per l’altro?

    Il nuovo Quaderno di “Edizione” punta a restituire l’immagine di un ampio lavoro condotto su più fronti, alla ricerca di un legame non oppositivo tra cura di sé, cura dell’altro, cura del mondo.

    Vedi la presentazione del festival a cura di Vicino/lontano alla conferenza stampa del 18 aprile scorso Comunicato-stampa Vicinolontano 2018

    [caption id="attachment_4086" align="aligncenter" width="400"]Udine, 11/05/2018 - VICINO / LONTANO - Fondazione Friuli - Sulla cura. Pratiche e prospettive a confronto con FRANCESCO BILOTTA , BEATRICE BONATO , CLAUDIA FURLANETTO Presentazione dell’ultimo Quaderno di “Edizione”  - Foto Paolo Jacob /Phocus Agency © 2018 - Foto Paolo Jacob /Phocus Agency © 2018[/caption]

    Il volume è in vendita nelle librerie e sul sito di Mimesis.

  • 22-09-18 15:00 - 22-09-18 17:00

    Sabato 22 Settembre 2018 alle ore 15 Ridotto del Teatro Verdi, Pordenone

    Sulla cura. Pratiche e prospettive a confronto Incontro con Claudia Furlanetto e Massimo De Bortoli. Conduce Eliana Villalta

    Prendere coscienza della nostra comune condizione vulnerabile significa riconoscere che le nostre vite hanno bisogno di cura. Su questa antica parola molte voci del pensiero contemporaneo riflettono da tempo intensamente, non senza interrogarsi sulle sue ambiguità.  Nell’alternarsi di interventi teorici e di contributi ancorati a pratiche specifiche, il volume Sulla cura. Pratiche e prospettive a confronto, Mimesis, Milano-Udine 2018, presentato in questa occasione, restituisce l’immagine di un ampio lavoro, alla ricerca di un legame non oppositivo tra cura di sé, cura dell’altro, cura del mondo.

     Sulla_cura
  • 17-05-19 18:00 - 17-05-19 20:00

    Vicino/lontano 2019

    Venerdì 17 maggio ore 18 Sede della Fondazione Friuli, Via Manin 15, Udine

    IL PREZZO DELLA VERITÀ

    Presentazione di “Edizione” 2018 A cura della Società Filosofica Italiana – Sezione FVG

    Interventi di BEATRICE BONATONICOLA GASBARROFRANCESCA SCARAMUZZA

    Ci si può chiedere quale senso possa avere per noi il rifiuto socratico di farsi pagare per il proprio insegnamento filosofico. Forse esso ci riporta sulle tracce di un regime di scambio diverso da quello mercantile, di una “economia del dono” non del tutto scomparsa nel mondo antico. Ma che cosa significa “economia del dono”? Non si tratta quasi di un ossimoro? In realtà i rapporti tra dono ed economia sono complessi, non si possono ridurre a una netta contrapposizione. D’altra parte, siamo sicuri che la sfera del mercato sia nettamente separabile da altre dimensioni pratiche e simboliche? I percorsi che si dipanano nell’ultimo Quaderno di “Edizione” mirano appunto a sospettare della “purezza” dell’economia di mercato. Sulla scorta del saggio di Marcel Hénaff Il prezzo della verità, approfondiscono questioni filosofiche e antropologiche: la reciprocità, il riconoscimento, il dispendio e il sacrificio, l’economia del soggetto in rapporto alla verità.

    Il volume raccoglie testi di: Beatrice Bonato, Damiano Cantone, Simone Furlani, Nicola Gasbarro, Raoul Kirchmayr, Massimiliano Roveretto, Francesca Scaramuzza, Maria Schiavo, Elettra Stimilli, Andrea Zhok.

     Sarà possibile acquistare il nuovo Quaderno di “Edizione” in occasione della presentazione. I soci della Sezione FVG potranno riceverne una copia omaggio.

    Qui programma completo della 15 edizione → Programma VL_2019

     
  • 19-09-19 17:00 - 19-09-19 18:00

     2019

    Due gli eventi in collaborazione con la Sezione FVG alla 20° edizione del festival:

    Giovedì 19 settembre, ore 17 al Ridotto del Teatro Verdi

    quaderni-fvg-bonato-prezzo-verita

    Il prezzo della verita' Presentazione del Quaderno di Edizione 2018 Interventi di Beatrice BonatoFrancesca ScaramuzzaMauro Magatti. Presenta Massimo De Bortoli

    I percorsi che si dipanano nell’ultimo Quaderno di Edizione, Il prezzo della verità, mirano a interrogare la complessità dell’economia di mercato e di quella del dono con i loro reciproci scambi. Sulla scorta del saggio di Marcel Hénaff Il prezzo della verità, gli interventi approfondiscono questioni filosofiche e antropologiche: la reciprocità, il riconoscimento, il dispendio e il sacrificio, l’economia del soggetto in rapporto alla verità.

     

    Qui il programma completo del festival

         

Questo sito usa i Cookies, se prosegui la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Per maggiori informazioni guarda la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi